SERBATOI E SICUREZZA

ISTRUZIONI PER L’UTENTE DI GPL IN PICCOLI SERBATOI

Ogni serbatoio GPL che installiamo è dotato di dispositivi, equipaggiamenti e condotte adatti per alimentare in sicurezza le apparecchiature di utilizzo collegate e per consentire i controlli d’esercizio.

La realizzazione, la manutenzione ed il rifornimento di questi impianti, devono essere eseguite sempre e solo da sono personale specializzato e qualificato.

Situazioni di rischio però, potrebbero tuttavia determinarsi a causa di scarsa attenzione ad alcune buone pratiche di utilizzo.

E’ pertanto indispensabile che ogni utente sia informato sulle norme d’esercizio e sulle precauzioni da adottare per evitare situazioni di rischio o per gestire eventuali emergenze.

Innanzitutto è bene sapere che ogni serbatoio è dotato dei seguenti accessori:

  1. Indicatore di livello del liquido a segnalazione continua, che fornisce la percentuale volumetrica di riempimento del serbatoio. Sul quadrante è indicato, con segno rosso, il livello massimo consentito;
  2. Manometro per la rilevazione della pressione massima di esercizio consentita, una volta raggiunta questa pressione entra in funzione la valvola di sicurezza;
  3. Ogni deposito è corredato di istruzioni di sicurezza per l’utente, applicate sull’apposito cartello in prossimità del serbatoio.
  • Presso il deposito devono essere disponibili almeno due estintori a polvere chimica da 6 kg cadauno conformi alle norme vigenti;
  1. Il serbatoio inoltre, deve essere sempre installato conformemente alle disposizione di Prevenzione Incendi ed è soggetto ad autorizzazione e controllo da parte del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

COME MANTENERE L’IMPIANTO IN SICUREZZA

Per un impiego del gas corretto e sicuro, è necessario che l’utente di serbatoi di GPL si attenga a queste istruzioni:

  • Curare che il serbatoio, le valvole e i regolatori di pressione non vengano manomessi e non subiscano urti accidentali o interventi che ne possano compromettere la funzionalità e la sicurezza;

  • Evitare qualsiasi intervento e non manomettere i sigilli applicati;

  • Evitare qualsiasi modifica dell’impianto;

  • Nell’area dove viene utilizzato il serbatoio non si devono tenere sostanze o oggetti combustibili come carta, stracci, legnami, vernici, ecc.;

  • Una volta terminato l’uso del gas, è bene assicurarsi che tutti i rubinetti degli apparecchi utilizzatori siano chiusi. In caso di inattività prolungata, occorre chiudere anche le valvole di intercettazione sulla tubazione in uscita dal serbatoio;

  • Se l’erogazione del gas diminuisce e il GPL nel serbatoio è ancora al livello ottimale, (al di sopra del 20%), l’utente deve richiedere l’intervento di personale qualificato, chiamando i numeri di pronto intervento.

  • I dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione automatica, che fanno parte di un apparecchio, non possono essere modificati se non dal costruttore dell’apparecchio stesso, sotto la sua responsabilità. 

Inoltre, per garantire la completa sicurezza, gli apparecchi alimentati a gas devono essere periodicamente sottoposti a regolare manutenzione, secondo quanto previsto dal costruttore nel libretto di istruzioni, in conformità alle leggi vigenti.

In generale, la corretta conduzione di tutte le apparecchiature collegate al GPL, consente di mantenerli efficienti a lungo, ottenendo quindi risparmi significativi sui consumi di combustibili e contribuendo a tenere pulito l’ambiente grazie alla riduzione di emissioni inquinanti. Per la manutenzione periodica è necessario ricorrere all’opera dei nostri tecnici specializzati.

COMPORTAMENTO IN CASI DI EMERGENZA

In caso di fuga di gas

Se si individua una perdita di gas, ci si deve comportare in uno dei seguenti modi:

  • Se si tratta di una perdita all’impianto di utilizzazione, chiudere la valvola di prelievo del gas sul serbatoio e chiamare l’installatore che ha realizzato l’impianto;
  • Se si tratta di una perdita di lieve entità dal serbatoio o dall’impianto di erogazione, chiedere l’intervento di personale qualificato; (numeri di pronto intervento 24 ore su 24)
  • Se si tratta di una fuga consistente, disattivare l’utilizzatore chiudendo tutte le valvole e i rubinetti dell’impianto; curare che nessuno si avvicini al punto di fuga, lasciare che il gas fuoriesca fino ad esaurimento senza tentare interventi ed evitare di creare condizioni di innesco. Chiedere l’intervento urgente di personale qualificato e, in caso di necessità, chiamare i Vigili del Fuoco.

In caso di incendio

Chiamare i Vigili del Fuoco ed inoltre se il gas che fuoriesce dal punto di fuga prende fuoco, si deve tentare – ove possibile – di bloccare rapidamente la perdita chiudendo la valvola di intercettazione posta a monte del punto di fuga. Per far ciò, è bene proteggere la mano ed il braccio, per esempio con un panno bagnato.

Intervenire quindi con i mezzi di estinzione (estintori a polvere) in dotazione all’impianto di stoccaggio GPL. In caso di impossibilità, si deve evitare il surriscaldamento delle tubazioni e soprattutto del serbatoio. Se possibile, raffreddare il serbatoio irrorandolo con acqua, anche dopo lo spegnimento delle fiamme. Una volta spento l’incendio, chiedere l’intervento urgente di personale qualificato per l’eliminazione delle cause che hanno determinato il problema, il controllo delle apparecchiature ed il ripristino dell’esercizio in condizioni di sicurezza.